Le 10 richieste più assurde delle Popstar per il backstage

Le 10 richieste più assurde delle Popstar per il backstage

Per chi non fosse pratico della scena live, la parola “backstage rider” potrà risultare sconosciuta. Questo documento, normalmente inviato agli organizzatori del concerto dal management della band/artista (o dall’artista stesso) contiene le richieste relative al camerino. Normalmente, le specifiche riguardano le misure di sicurezza, approvvigionamento d’acqua, preferenze per il cibo, tipologie di drinks e cose di questo genere. Talvolta, però, le superstars si fanno prendere la mano dalla propria fama e iniziano a fare richieste a dir poco… assurde. Vi proponiamo le 10 richieste più assurde e ridicole fatte dalle rockstars e popstars più famose del mondo.

Disclaimer: La validità di queste informazioni non può essere confermata, in quanto frutto dell’analisi di svariati riders pubblicati sul web. Che questi artisti abbiano effettivamente fatto queste richieste o meno è motivo di dibattito ma possiamo sicuramente confermare l’atteggiamento molto “fuori dalle righe” di svariati artisti internazionali, come da testimonianza diretta e/o di terze persone che ci hanno avuto a che fare. 


10. Adele – Tazze nu0ve, cucchiai di metallo e miele non organico

Le richieste di Adele sono moderatamente ragionevoli e in puro stile British: 6 tazze larghe (nuove di zecca) per il tè, 6 cucchiai da tè e un barattolo di miele non organico. Inoltre, non vuole assolutamente i pomodori sui suoi sandwiches. Preparatevi ai prossimi, decisamente peggiori…

 

9. Rolling Stones – Alcol, sigarette e… come si accende questa roba?

I vecchi rockers chiedono sempre i due grandi classici: alcol e sigarette. Considerando però che l’età media dei componenti è di circa 70 anni, gli Stones aggiungono nel proprio rider degli assistenti presenti 24 ore su 24 e delle istruzioni scritte sul come utilizzare le apparecchiature elettroniche nelle loro stanze. Hey, non prendeteli in giro: se non altro i loro strumenti li sanno usare alla grande!

 

8. Paul McCartney – Una foresta senza animali

Sir Paul pretende piante molto specifiche, tra le quali 6 piante a foglie larghe (perfettamente fiorite) di quelle sprovviste di tronco. Il Beatle, inoltre, vuole essere letteralmente circondato e sommerso da gigli di Casablanca, rose pallide e bianche e freesia: un paradiso floreale e naturale! L’amore per i fiori è paragonabile al totale rifiuto per qualsiasi prodotto a base animale o per i prodotti che ricordino anche vagamente il regno animale, come le pellicce sintetiche.

 

7. Beyoncé – Temperatura costante e cibo di stagione

La diva del pop Beyoncé richiede che il suo camerino sia impostato su una temperatura di 78 gradi Fahrenheit (25,55 gradi Celsius) – SENZA LA MINIMA VARIAZIONE. A sua disposizione ci devono essere sempre verdure leggermente condite e pollo cotto al forno. Infine, nessun prodotto Coca-Cola dev’essere presente nel camerino. Al limite un po’ di Pepsi!

 

6. Jack White – Guacamole fatto a mano e zero banane

Jack White è solito scrivere “NO BANANA TOUR (Seriously)” sul suo rider (confermato poi da membri dello staff stesso e correlato ad un allergia alle banane di uno dei membri della crew). Jack inoltre richiede che venga preparato del Guacamole secondo una ricetta specifica (fornita da White stesso) per sé e per il suo staff. La ricetta dev’essere seguita alla lettera utilizzando una particolare varietà di avocado e preparata poche ore prima dell’arrivo dell’artista per poter essere servita fresca di preparazione. La ricetta, peraltro, è disponibile sul web. Buon appetito!

 

5. Van Halen – No M&Ms marroni!

Il famosissimo rider dei Van Halen, risalente al tour del 1982, è diventato un cult su internet. Nel rider veniva richiesta una quantità considerevole di M&Ms di qualsiasi colore ad eccetto di quelli marroni. Nello stesso documento veniva anche minacciata la cancellazione del concerto senza alcun rimborso nel caso in cui la band avesse trovato un M&Ms marrone in camerino. Molti esperti hanno asserito, durante gli anni, che il rider fosse in realtà una tattica commerciale, creata per costringere gli addetti ai lavori a leggere con attenzione tutto il rider.

 

4. Iggy Pop – Un documento da 18 pagine

Bob Hope

Il rider di Iggy è semplicemente ridicolo: 18 pagine piene di richieste, tra le quali un comico che impersoni di Bob Hope e gli faccia uno spettacolo di Cabaret, una copia dell’USA Today contenente un articolo che parli di persone obese e broccoli e cavolfiori pre-tagliati e gettati immediatamente nella spazzatura…! Che personaggio

 

3. Rihanna – Candele profumate rarissime e tappeti animaliet

Sul rider di Rihanna viene specificato tassativamente che all’interno del camerino devono essere presenti delle candele profumate “Archipelago Black Forest” (con nota a margine che invita gli organizzatori, qualora avessero problemi a procurarsele, a contattare lo staff di Rihanna immediatamente). La cantante delle Barbados, inoltre, vuole un tappeto in pelle animale perfettamente pulito sul quale camminare a piedi nudi.

 

2. Kanye West – cotone al 100% cotton e Slushies

Durante un tour australiano Kanye ha preteso che il suo autista vestisse abiti al 100% in cotone, evitando categoricamente fibre realizzate dall’uomo. A ciò si aggiunge la richiesta di asciugamani Versace per detergersi il sudore durante la performance e una macchina per gli Slushies in grado di produrre le sue due bibite preferite: Greygoose & Limonata e Hennessy & Coca-Cola.

1. Madonna – Il backstage deve sembrare casa sua

Madonna, la regina del Pop, ha le pretese più assurde mai viste. All’interno del suo camerino vuole accesso completo a 20 linee telefoniche internazionali per chiamare i suoi amici seduta in una replica del suo salotto: tutti i mobili e l’arredamento la seguono durante i tour e i poveri roadies devono allestire ogni camerino come se fosse casa sua. Alla faccia del comfort!

 

 


Il successo spesso può dare alla testa e chi ha un debole per il lusso ne viene facilmente soggiogato. La prossima volta che andrai in tour puoi provare, scherzosamente, a fare qualche richiesta strana: non prendertela con noi se la richiesta ti verrà rifiutata!

 

Cosa ne pensate? Che tipo di richieste fareste al loro posto?

 

Author’s gravatar
La passione di Simon per la musica nasce molto tempo fa, fino a portarlo al diventare arrangiatore, chitarrista e autore di musica auto-prodotta, pubblicata con la sua band, gli Onyria.

Lascia un commento