7 cose che non sapevi dell’Ukulele

7 cose che non sapevi dell’Ukulele

L’Ukulele è uno degli strumenti più popolari del momento e gode di un successo incredibile a livello mondiale. Il motivo è ben chiaro: uno strumento allegro, solare, che richiama subito il feeling estivo. Ci sono un sacco di leggende e miti attorno all’Ukulele, dalla sua nascita tipicamente Hawaiiana al suo ruolo nella musica. Scopriamole assieme!

??


 

1. L’Ukulele non è Hawaiiano!

La nascita dell’Ukulele risale al 1879 ed è opera di alcuni marinari portoghesi, sbarcati alle Hawaii. Lo strumento non fu creato da zero lì: fu una semplice evoluzione del “machete de braga” o “cavaquinho“, strumento originario di Madeira. Aloha! ?

 

2. L’Ukulele ha spodestato la chitarra svariate volte

Nel 1920 il famoso costruttore di chitarre acustiche C.F. Martin vendeva tanti ukulele quante chitarre. La crisi economica globale mise in ginocchio praticamente tutti e, grazie alla vendita di strumenti economici e alla portata delle tasche di tutti come gli Ukulele, molti marchi (tra cui anche Gretsch e Gibson) sopravvissero. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Maccaferri iniziò a produrre 2500 strumenti AL GIORNO (in plastica)!

? Visiona tutti gli Ukulele Soprano

3. No Beatles, No Uke

Quella corrente è la terza ondata di successo dell’ukulele – favorita in gran parte dal web. L’euforia per l’Ukulele iniziò a metà anni 90 grazie ad un documentario ABC in cui George Harrison e Paul McCartney dei Beatles dichiaravano il loro amore per il particolare strumento. George Harrison non nascose mai la sua passione per lo strumento, come si può leggere nel seguente documento scritto di suo pugno:

Zitat George Harrison

 

4. L’Ukulele ha una corda sottile “grave”

A differenza della chitarra, l’Ukulele non segue l’ordine corda sottile=nota alta: è questo che contribuisce all’amabile suono prodotto dallo strumento. É possibile anche intonare l’Ukulele come una chitarra, perdendo però il caratteristico suono ‘felice‘ dell’Ukulele.

via GIPHY

5. Esistono bassi Ukulele e banjo Ukulele

Hai capito bene: esistono una varietà di derivazioni dell’Ukulele da scoprire. Il bass ukulele ha delle corde in gomma molto spesse ed è accordato come un basso elettrico. Collegato ad un amplificatore, suona come un contrabbasso. Esiste anche un banjolele (o banjouke), un ibrido fra banjo e ukulele che ha recentemente compiuto 100 anni.

? Clicca qui per visionare i Bass Ukuleles su thomann.de

? Clicca qui per visionare i Banjo Ukuleles su thomann.de

 

6. L’origine del nome non è ancora chiara

Il nome dovrebbe significare “pulce che salta“, l’impressione che i nativi delle Hawaii ebbero vedendo suonare i portoghesi, abili musicisti e quindi molto veloci con le dita. La regina Lili’uokalani (che scrisse Aloha’Oe) da un’interpretazione diversa: la parola Ukulele è composta da uku (regalo) e lele (arrivare) e significa che l’ukulele, in quanto tale, fu un regalo che arrivò da lontano.

via GIPHY

7. Somewhere Over the Rainbow ha un bel paio d’anni!

Il “tema” ufficiale dell’Ukulele per eccellenza è “Somewhere Over The Rainbow” di Israel Kamakawiwo’ole. Il gigante gentile realizzò la sua sola ed unica hit nel 1990, morendo poco dopo.  Nel 2010 la canzone “Somewhere Over The Rainbow / What a Wonderful World” si posizionò in cima alla classifica delle classifiche tedesche, a ben 17 anni dalla pubblicazione!

via GIPHY


Clicca qui per tutti gli Ukulele disponibili su thomann.de

? Il DIY ukulele kit della Harley Benton ti permette di costruire e verniciare l’Ukulele a piacere

Author’s gravatar
La passione di Simon per la musica nasce molto tempo fa, fino a portarlo al diventare arrangiatore, chitarrista e autore di musica auto-prodotta, pubblicata con la sua band, gli Onyria.

Lascia un commento