Oscar Ackermann – Dipartimento chitarre

Oscar Ackermann – Dipartimento chitarre

Nome:Oscar Ackermann
Luogo di nascita:Norimberga
Età:28
Canzone preferita:'The Forgotten one' dei Times of Grace
Album preferito:'Volition' dei Protest the Hero

Probabilmente lo avrete già visto in uno dei nostri numerosi video: Oscar, Hot Head di questa settimana, del dipartimento chitarre. L’abbiamo intervistato per voi: sentiamo cos’ha da dirci…

Ciao Oscar! Prima di tutto: perché proprio Thomann?
Lavoro da Thomann perché per tutta la mia vita la musica è ed è stata la parte più importante. Sono sempre stato immerso nella musica e circondato da musicisti da quando ho memoria, quindi questo non poteva essere altro che il posto più adatto per me.

Di che cosa ti occupi?
Lavoro nel piccolo laboratorio di chitarre interno al negozio, oltre ad assistere i clienti come venditore.

Oscar on stage @Thomann-Weihnachtsfeier

Reparto vendita è chiaro, ma cosa intendi per “laboratorio di chitarre interno al negozio” – cos’altro fai nello specifico, oltre a vendere?
Tutto ciò che il cliente richiede e che può essere svolto seduta stante, senza dover obbligare il cliente a lasciare lo strumento presso il laboratorio per giorni, viene eseguito lì. Cambiare set di pickups, modificare l’hardware, eseguire un setup corretto su una chitarra acustica..

E quando la modifica o riparazione richiesta diventa più complessa?
In quel caso la chitarra viene mandata nel laboratorio principale, presso il centro servizi, dove lavorano professionisti esperti che si dedicano solamente a questo aspetto. Vedi, la cosa principale da tenere a mente è la velocità con la quale il cliente dev’essere assistito. Se c’è una lunga fila di persone in negozio, non possiamo sottrargli tempo eseguendo setup laboriosi sul posto. Ecco perché esiste il centro servizi.

Abbiamo saputo che costruisci anche chitarreOscar als Dozent beim Event "Erste Hilfe Gitarrenservice"
Sì, costruisco chitarre elettriche per hobby. Ad oggi ne ho completate tre, ma sono fermo da un po’ a causa di svariati progetti che mi tengono molto impegnato ogni giorno.

Dev’essere difficile, da chitarrista, lavorare in un reparto dove ogni giorno ci sono così tanti strumenti allettanti da ammirare
Mi succede spesso, mi capita di pensare “questa chitarra starebbe davvero bene nel mio arsenale” ;). Ciò che davvero desidero al momento, per completare la mia collezione personale, è una Stratocaster Fender Custom Shop. Non per forza una Masterbuilt, anche se in realtà sto ancora decidendo quale sarà la candidata.

Oscar on sta(n)ge

Chitarrista, cantante metalcore .. e cantante pop?
Ho sempre scritto canzoni molto rilassate. Di recente, ho notato che questo tipo di canzoni fanno molta presa sul pubblico, quindi mi ci sto dedicando molto seriamente. Il mio cuore rimarrà sempre votato al metal, e non disdegno la mia band (con cui suona Metalcore, ndr). Semplicemente mi piacciono entrambe le cose. L’importante è trovare l’equilibrio, qualcosa di molto aggressivo, e qualcosa di più tranquillo subito dopo.

Quali sono gli aspetti più importanti per te e la tua band, sul palco?
Con la mia band principale suono uno stile di musica molto energico, quindi mi capita di muovermi molto sul palco, trascinato dalle canzoni. Una performance d’impatto trasmette molto più facilmente il “mood” della musica al pubblico, il quale a sua volta si scatena.

Per saperne di più, vi lasciamo alla video-intervista

 

Author’s gravatar
La passione di Simon per la musica nasce molto tempo fa, fino a portarlo al diventare arrangiatore, chitarrista e autore di musica auto-prodotta, pubblicata con la sua band, gli Onyria.

5 commenti

    Ma che figo dev’essere lavorare da Thomann?? 🙂

    Caro Marco,

    è un esperienza da provare 🙂

    Lavorare da Thomann e per di più al laboratorio. Che invidia!

    Personalmente credo che lavorare da Thomann significhi essere un ottimo professionista. Thomann è un marchio che significa perfezione e tutti si aspettano solo il meglio, soprattutto dal personale.
    Cosa fate quando siete stressati o quando siete alle prese con una marea umana di clienti il cui unico scopo è provare tutti gli strumenti fino all’esaurimento delle forze ?
    (con le classiche domande: ma che differenza c’è tra una resofonica e una stratocaster ? quale suona meglio ? )
    … perchè succederà anche da voi …
    Quali sono i consigli per gestire lo stress da addetto alla vendita ?

Lascia un commento