Come registrare la chitarra elettrica

Come registrare la chitarra elettrica

Hai composto un capolavoro su sei corde. Ora è giunto il momento di registrarlo… sì ma, come? Niente di più semplice! 


Il metodo « classico »

Il metodo classico e il più utilizzato da sempre è la ripresa diretta, ottenuta posizionando il microfono davanti all’altoparlante (cono) dell’amplificatore (o cassa). É il metodo più diffuso ma anche il più difficile in termini di resa finale. La qualità e la timbrica del prodotto finale, infatti, dipendono molto dalla bontà della strumentazione usata: è necessario quindi utilizzare una chitarra ed un amplificatore di buona qualità. Quando lo spazio non è molto e il volume inizia ad essere un problema, è preferibile optare per un amplificatore combo a wattaggio ridotto.

Shure SM57Per ottenere una buona registrazione, è necessario posizionare il microfono dinamico a pochi centimetri dal cono. Per un suono brillante e medioso, va puntato al centro del cono, mentre per smussare gli alti e ottenere un suono più carico di bassi è sufficiente spostarlo un po’ dall’asse e dal centro del cono ed inclinarlo leggermente. Un buon compromesso prevede il posizionamento del microfono rivolto verso il cono ma spostato orizzontalmente verso il bordo dell’altoparlante. I microfoni dinamici vengono usati in questo contesto per la loro capacità di tollerare un alto segnale d’ingresso. Tra i più usati citiamo Shure SM57, Sennheiser MD-421Sennheiser E906Beyer M88-TGthe t.bone MB75 e il Superlux PRA 628 MKII.

the t.bone RM-700I microfoni a nastro sono, d’altro canto, costosi e molto fragili. Rispetto ai dinamici, producono un suono più rifinito, avvolgente e ricco di armoniche. La qualità morbida ottenuta sulle frequenze medie è da sempre apprezzatissima per la microfonazione degli amplificatori per chitarra. Tra i più noti citiamo il Royer R-121 e il R-122, il the t.bone RM700 e il Coles 4038 Studio Ribbon.

AKG C-414 XL IISe l’acustica della stanza lo permette, l’uso di un microfono a condensatore posizionato a qualche metro dall’ampli permette di ottenere un suono naturale e carico di profondità. La maggior parte dei microfoni a condensatore è provvista di un attenuatore passivo (o “pad”) che diminuisce il livello di guadagno in entrata, permettendo di ottenere un suono più nitido e pulito. Una scelta di microfoni a condensatore a diaframma largo è disponibile cliccando qui.

Ricorda che queste sono solamente linee guida: sentiti libero di sperimentare per sentire con le tue orecchie le differenze di carattere, timbrica e intensità. Una delle soluzioni che ti consigliamo è l’abbinamento tra microfono a nastro/dinamico e microfono a condensatore per ottenere il meglio da entrambi: suono potente, morbido, ma al tempo stesso definito e diretto, pur restando molto naturale e ricco di profondità.

Metodi alternativi

Behringer GI100 ULTRA-GDI Box: comunemente usata dai bassisti, la DI Box ha riscosso moderato successo tra i chitarristi, grazie anche ad alcune varianti che implementano la simulazione di cabinet.

Tech 21 Fly Rig 5Pre-amplificatori: strumento popolarissimo negli anni 80, è sostanzialmente un amplificatore senza finale di potenza. Spesso combinato con un finale a scelta, il pre-amplificatore a valvole produce sonorità molto interessanti. Esistono diversi modelli con simulazione di cassa incorporata, molto popolari per l’home recording.

Line6 POD HD Pro XMultieffetti e amp modeling: introdotto alla fine degli anni 90 dalla Line 6, il concetto di modeling implica la “riproduzione” mediante algoritmi di un dato suono o amplificatore. Spesso gli apparecchi in questione sono dotati di effetti di ogni genere, e sono molto apprezzati negli studi casalinghi e non solo.

Amplitube 3Software di simulazione di amplificatore: I computer moderni ormai sono talmente potenti da poter eseguire plug-ins e software di simulazione davvero complessi e dai risultati molto realistici. Prodotti come l’IK Multimedia AmpliTube o il Native Instruments Guitar Rig sono solo alcuni tra i più popolari. Tra le varie opzioni, troviamo anche la possibilità di registrare una traccia DI per poterla processare con tutta calma in fase di missaggio.

Author’s gravatar
La passione di Simon per la musica nasce molto tempo fa, fino a portarlo al diventare arrangiatore, chitarrista e autore di musica auto-prodotta, pubblicata con la sua band, gli Onyria.

4 commenti

    Complimenti, consigli sintetici ma chiari e perfettamente centrati sia per le varie tecniche che per la strumenzazione d’uso. Grazie del tuo serio ed onesto impegno!!

    Grazie mille per il feedback 🙂 Arriveranno ulteriori articoli come questi

Lascia un commento