Gino Paoli 88 Anni
Gino Paoli compie 88 anni, ecco a voi le 7 canzoni più famose!

Gino Paoli compie 88 anni, ecco a voi le 7 canzoni più famose!

Una vita piena di musica quanto di tormenti. Gino Paoli, classe 1934, è la voce dell’Italia e dei caffè nei bar, e non ha bisogno di presentazioni.  Ha scritto ed interpretato brani famosissimi, influenzati da una vita ricca di eventi. Dalla relazione con Ornella Vannoni alla morte di Vittorio Faber, rimasto ucciso in un incidente, mentre Gino Paoli era alla guida dell’auto. Per poi passare al tentato suicidio e a quella pallottola ancora conficcata nel cuore. Questo è il mondo racchiuso nelle canzoni di Gino Paoli, e vogliamo ricordarlo con alcune delle sue più belle canzoni!


1. Il cielo in una stanza

È una delle canzoni più famose di Gino Paoli, scritta in origine per Mina che l’aveva pubblicata nel giugno del 1960 nel singolo Il cielo in una stanza/La notte, grazie all’intervento di Mogol che, credendo in Paoli come autore, gliel’aveva fatta ascoltare e incidere. Lo stile orchestrale della canzone è qualcosa di unico ed il testo descrive l’incontro con una prostituta avvenuto in un bordello di Genova riconoscibile dal soffitto viola. Nonostante il tema peculiare della canzone, rimane un capolavoro artistico italiano.

 

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

 

2. La gatta

È del 1960 il brano autobiografico La Gatta, una canzone allegra e sicuramente conosciutissima tra adulti e bambini in tutt’Italia. Tra i brani di maggior successo di Paoli, attinge direttamente alla sua vita, parlando della nostalgia di quando era più piccolo. Una canzone che non passa mai di moda con quella prima frase… “C’era una volta una gatta… ”

 

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

 

 

3. Senza fine

Senza fine fu scritta da Paoli nel 1961, un altro grande successo ispirato dalla relazione travagliata con Ornella; nonostante ciò, questa canzone aveva l’intento di rilanciare la carriera di lei che era vista solo come la cantante della Mala. L’armonia articolata e colorata della canzone prende ispirazione dal jazz degli anni 50′, – l’arrangiamento con archi e fiati rende il tutto semplicemente magico.

 

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

4. Due poveri amanti

Anno 1962, e questa volta Gino Paoli si affianca al grande compositore Ennio Morricone. È lui ad arrangiare la bella e malinconica Due poveri amanti, che diventerà traccia dell’album Le cose dell’amore.
Una canzone che intreccia amore con natura e nostalgia – un testo bellissimo e la musica è tutta una storia da raccontare.

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

5. Sapore di Sale

Usciva nel 1963 uno dei brani diventati icone della canzone italiana a livello internazionale. Simbolo delle estati degli anni Sessanta, torna risuonando viva puntuale ad ogni bella stagione. Come raccontato dallo stesso Paoli, Sapore di sale era nata a Capo d’Orlando, “in una casa deserta vicino a una spiaggia deserta”, dove l’autore si trovava per tenere dei concerti in un locale con il suo gruppo. Alcune voci dicono che sia stata ispirata da Stefania Sandrelli con la quale Paoli ebbe una breve relazione. Qualunque sia stata l’origine della canzone, questo rimane un classico pezzo italiano firmato Gino Paoli.

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

 

6. Che Cosa C’è

Nel 1964 Gino Paoli regala alla musica italiana un’altra pietra miliare. Che cosa c’è è un brano iconico, nel quale l’anima romantica, intensa e nostalgica del cantautore ci accompagna tra note e parole in quel “per sempre” cercato e desiderato durante tutta la carriera da Paoli

 

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

7. Una Lunga Storia D’amore

Si avvicinano gli anni 90′ e nel 1988 Gino Paoli compone e pubblica una delle canzoni più toccanti della sua carriera. Una canzone romantica e pessimista allo stesso tempo. Una canzone alla ricerca di quell’amore che sembra non avere limiti anche se si è appena conosciuti. Ecco alcune parole del testo per capire come nonostante siano passati 25 anni dal Cielo in una Stanza, la sua musica rimane intramontabile.

“È stato come volare
Qui dentro camera mia
Come nel sonno più dentro di te
Io ti conosco da sempre, ti amo da mai”

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

 


Qual è la vostra canzone preferita di Gino Paoli?

Quali sono le vostre canzoni preferite di Gino Paoli? Fatecelo sapere con un commento!

YouTube

Caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube.
Per saperne di più

Carica video

Author’s gravatar
La mia passione per la musica nasce in un modo insolito. A 13 anni inizio a giocare a Guitar Hero, e da lì è storia. La chitarra diventa il mio trampolino di lancio nel mondo della musica, culminando in una laurea in Songwriting presso ICMP.

4 commenti

    Una lunga storia d’amore…
    In ricordo del primo istante che conobbi mia moglie…
    E ad oggi sono 25 anni insieme ❤

    Congratulazioni!

    ho cantato tutte le sue canzoni e ho partecipato ai suoi guadagni scrivendole sui borderò SIAE, uno dei miei migliori autori Paoli con Califano e Battisti.

    Tanti pezzi di storia Italiana!

Lascia un commento

ANNUNCIO